martedì 13 novembre 2012

Scusi? Prego!


Un paio di settimane fa, ho portato Flavio ad Hyde Park perche` familiarizzasse con la fauna del centro.




Poiche` al solito le nostre uscite sono scandite da appuntamenti regolari pappa-cacca, siamo andati verso le 4 dal local Whole Food Market, quello mitico che sta su Kensington High Street.
Al primo piano ci sono bar e ristoranti che convivono in un unico open space, così appena terminata la pratica pannolino, ho puntato uno di questi e ho ordinato capuccino e muffin.
Il bar non aveva tavoli disponibili ma il ragazzo alla cassa ci teneva a dirmi che potevo sedermi anywhere, dovunque avessi trovato un tavolo libero.
No dico.. mi vedi? Ho un passeggino, un cappuccino, un muffin e due mani..non è che posso fare chilometri.
Mentre pago mi cade l'occhio su una ragazza che ha disseminato borse e borsette sul suo tavolino.
E' sola, sta leggendo un libro e ha l'aria di chi ha finito da ore la sua consumazione.
Mi avvicino e le dico "Scusi, please, posso?"
Lei riemerge dalle pagine e risponde "ma prego, yes!"
Parcheggio il passeggino e toh mi accorgo, solo in quel momento, che pure lei ne ha uno.
La serie dei toh continua quando mi dice che la sua bambina ha la stessa età di Fla, si trova a Londra da un mese, non conosce bene la lingua e che suo marito è stato trasferito dalla compagnia per cui lavora.
Questo ed altro in una conversazione, a tratti surreale, durata due ore tra una giapponese e un'italiana in un affannato inglese.
Infatti gli equivoci non sono mancati, gli occhi hanno strabuzzato ma ci siamo divertite così tanto da scambiarci i numeri di telefono per rincontrarci.

Il primo appuntamento è stato qualche giorno fa, alle 12.30. Stesso posto.
Io sono uscita di casa senza nemmeno portarmi dietro la cartina della città: "Non mi serve, conosco bene quella zona"
Infatti è bastato confondere le kappa e scendere a Knightsbridge anziché a Kensington, per arrivare con quasi un`ora di ritardo O_o
Finalmente la raggiungo all`area ristoranti del Whole Food, mi scuso a raffica spiegando che nel frattempo fossero subentrati altri contrattempi.
Lei invece tira fuori un sorriso soffice ed educato e con quello sguardo lì, tipicamente japanese,  mi sussurra "you're funny.."
Hiromi, intanto che finisce di allattare al seno la sua bimba, mi chiede cosa voglio mangiare.
Le dico scherzando se vuole mangiare sushi, pensando sia la cosa più banale e stupida da proporre a una giapponese.
"E tu?"
"No, io non posso..allatto!"le rispondo
"Ah.. in Italia non mangiate sushi durante l'allattamento?"
"Ehm.." sono imbarazzata, anzi no mi sento un'idiota perché la piccola Mikoto ha appena bevuto latte presumibilmente contenente pesce crudo.
Chiariamo, io adoro il sushi.. ma ho fatto voto di rinuncia al maguro dal giorno del transfer. 
Tuttavia ora c'è in ballo un dibattito internazionale.. non posso fare figuracce.
Ok, prima o poi doveva succedere...e sushi sia!
Così con disinvoltura mi ritrovo a prendere lo stesso set di rolls al salmone e avocado al Genji Express, pensando che almeno risparmierò a Flavio il mercurio del tonno.


salsa di soia e sushi (nella variante brownie rice) con wasabi potentissimo, tanto da farmi uscire il fumo dal naso e lacrimare gli occhi.     ------6pounds 48
Tra un colpo di bacchetta e l`altro ci confrontiamo sulle nostre vite qui a Londra, le difficolta` quotidiane, i progetti a breve e lungo termine.
Io le confesso anche la mia passione per il Giappone.
Le racconto del mio viaggio a Tokyo e nel Kansai, e di luoghi dove lei dice di non essere mai stata. 
Mi chiede consigli sul viaggio che vorrebbe fare in Italia e in altri Paesi europei.
Tra due anni loro torneranno a Tokyo e, per quanto possibile, desiderano cogliere l`occasione di questo trasferimento per visitare altre citta`.

Prima che sia troppo tardi, usciamo.
Vuole portarmi al Diana Memorial Playground dove lei va spesso insieme a Mikoto.
Passiamo per Kensington Gardens e arriviamo al playground giusto in tempo per farci chiudere il cancello in faccia. (ore 15.45)





E` quasi buio e quasi ora della merenda di Flavio. Questa volta mi butto in un Costa, piu che altro perche` da fuori la vetrina adocchio due poltronissime vuote.



E poi le solite cose.
Il solito cappuccio deca, lo yogurt per Flavio, il cambio pannolino...
Gli ssssh e i questononsifa.
E poi c`era lei, che mi ha subito conquistata con l`eleganza dei modi e la disponibilita`.
Sembravamo amiche davvero.






Che ne dici Mikoto?
Ti va di passare i prossimi due anni con noi?

cappellino cool-issimo di Harrods











21 commenti:

  1. Che bello questo incontro e che belli i tuoi racconti londinesi. Mi ti immagino sempre un po' come nel film "lost in translation". Che bello pensare che Fla abbia trovato un'amica con cui condividere le prime scoperte e tu un'amica con cui passare il tempo e anche esercitare la lingua.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Haha fai bene ad immaginarmi cosí.. s si molto lost :-D

      Elimina
  2. Bellissimo questo incontro, questo post, questa amicizia appena sbocciata fra Fla e Mizuki, e anche fra le mamme :-)
    E sushi sia, amen!
    (ho pensato, ah, è un post stufetta che mi riscalda occhi e cuore, e piedi nudi - ah, la mia pigrizia)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un post stufetta??
      Ma che bella definizione :)

      Elimina
  3. quando ti leggo, anche nei post precedenti che non ho commentato, mi metto comoda comoda, e ti gusto. Ti immagino fare tutto quello che descrivi, come fossi la protagonista di tutti quei libri ambientati tra Londra e New York che a me piacciono tanto...
    la tua nuova amica sembra davvero delicatissima e sensibile. E' bello quello che racconti, questo rapporto che sta nascendo, sono davvero contenta per te...

    continuo a leggerti anche in silenzio, perchè mi rilassi tantissimo..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh si si ti devi rilassare tu...:)
      E anch'io sai mi rilasso un po' quando scrivo queste cose che sennò qui è sempre tutto di corsa che manco si capisce "che stiamo facendo"

      un abbraccissimo

      Elimina
  4. Oooh che bello che bello, sono quasi gelosa a vedere queste foto hahaha, pero' quando ho visto l'oggetto sfollicolante rosa e verde non ho potuto che cedere all'evidenza: Mizuki sta avanti pure lei, e quindi avete la nostra benedizione (mia e di G), tutti e quattro ;-D
    mmmmh sushi mon amour....

    RispondiElimina
  5. Ma guarda che è tutto merito tuo!
    Se nn venivi tu... stavo ancora in cima alle rampe, lo sguardo un po' perso un po'ncacchiato a dire "perché #¥*<…~^ nn ci sono gli ascensori?!"

    RispondiElimina
  6. dio ma è un incontro bellissimo! Proprio da favola. Mizuki sta un'amore ma neanche Fla scherza. Ohhh keep in touch pls.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Sí è l'incontro piú bello che ho fatto da quando sono a Londra. A parte Sfolli, of course!!!!

      Elimina
  7. ma che bello!
    che incontro!! bellissimo!!!! brava! :-)

    si, le giapponesi sono proprio simpatiche, anche io ne avevo conosciuta una i primi mesi a san diego e andavamo molto d'accordo (poi pero' riparti' per il giappone)

    questa cosa del sushi e' quello che dico pure io alle mie amiche incinte, cioe' "e in giappone come fanno??", ma certo non ci sono passata dal vivo e quindi poi pure io metterei il bando al sushi (e ad altre tremilamila cose)

    evviva!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma ste giaponesi allora mi sa tanto che le mettono come bonus alle nuove espatriate ;)

      per il sushi he he
      ma lo sai che me lo ricordo il tuo commento a ClaraV e mesà che tavevo pure detto qualcosa he he....
      insomma si lo so "come fanno?" però sai com'è...uno c'ha fifa lo stesso

      Elimina
  8. Bravissima, anche la mia prima amica qui e' stata una giapponese! E sul sushi concordo, non so come fanno li' ma nel dubbio sono pochi mesi, si puo' rinunciare :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anche tu, ma dai! :))
      beh no nn sono pochi mesi... se ci metti pure l'allattamento... Masepoffà ;)

      Elimina
  9. a me piacciono le giapponesi. Sempre di buonumore, supernergiche, bendisposte, sorridenti, gentili, disponibili.
    E poi viaggiamo sulla stessa altezza :))

    qui alcuni ginecologi fanno mangiare il sushi. Il mio no, ma pure se mi avesse dato il nulla osta lo avrei evitato.

    valescrive

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco è vero! Mi hai fatto notare questa cosa...Si sono sempre di buonumore!!!
      O almeno sembra ;)

      Elimina
  10. in giappone come fanno? E' vero MArica, ci ho pensato pure io, pero' alla fine loro hanno una lunga tradizione. Bo.
    valescrive

    RispondiElimina
  11. che bello questo incontro!!
    io cmq ho continuato a mangiare sushi sia nel post transfer che ora in gravidanza...
    La mia gine (e poi anche il ristorante giapu dove vado di solito ha confermato) mi ha detto che una norma europea prevede che tutto il pesce crudo debba essere passato nell'abbattitore prima di essere servito quindi si può mangiare!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Anch'io a Roma avevo il mio rust di fiducia "Sushi sen".. Non è questione di abbattimento ma di ciò che uno si sente di fare. In ogni caso tu goditela allora :)

      Elimina
  12. Che belli questi incontri tra anime affini, casuali ma neppure troppo. E che splendido faccino che ha Mizuki!

    RispondiElimina
  13. Che bello grazie mi piace anime affini :)
    E forse chissà.... davvero a volte ci capitano cose che sono piu di una banale coincidenza..

    RispondiElimina